Crea sito

Saltare la navigazione

Allegato 6: Carta dei Servizi

PREMESSA E PRINCIPI FONDAMENTALI: CARTA DEI SERVIZI

La CARTA DEI SERVIZI si pone come strumento a tutela del diritto allo studio dei cittadini. Indica agli utenti (alunni, genitori, docenti e non docenti) gli strumenti per conoscere il funzionamento ed il livello di qualità dei servizi erogati.  

Garantisce la trasparenza degli atti. Regola gli aspetti fondamentali dell'attuazione del diritto allo studio ed i rapporti tra utenti e Scuola, orientandone i principi e le attività. In questa ottica, la Carta esprime la necessità della piena collaborazione e del convinto coinvolgimento di tutti i protagonisti del processo formativo:

la direzione della scuola, i docenti e tutti gli altri operatori della scuola, gli organi collegiali  

le strutture centrali e periferiche del M.P.I.; i genitori - utenti ed i loro rappresentanti; gli alunni;  

gli Enti Locali; i Servizi Sanitari del territorio.

POLITICA DELLA DIREZIONE

La Qualità nella scuola ha senso solo se è Qualità per tutti i suoi allievi, nel rispetto dei fini istituzionali. Per erogare le sue prestazioni, l'Istituto individua i seguenti principi fondamentali ai quali intende uniformare la propria attività.

EGUAGLIANZA ED EQUITÁ

L'Istituto, riconoscendosi totalmente nei principi posti alla base della Costituzione della

Repubblica (art. 3, 33 e 34), assicura l'uguaglianza di trattamento nell'erogazione del servizio scolastico, senza nessuna discriminazione per motivi riguardanti sesso, razza, etnia, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni psicofisiche e socio economiche.  

I servizi sono erogati a tutti gli utenti secondo procedure trasparenti ed eque, che tengono conto dei bisogni formativi dei singoli e della collettività.

IMPARZIALITÁ E REGOLARITÁ

I soggetti erogatori del servizio scolastico agiscono secondo criteri di obiettività ed equità, senza distinzione di condizione sociale, di sesso, di religione di provenienza.  

Tutto il personale dovrà essere coinvolto in questa linea d'azione, superando rigide suddivisioni di ruoli e funzioni.

OBIETTIVI

  • E’ impegno di questa Direzione e di tutto il personale scolastico conoscere le aspettative dei nostri utenti (famiglie, alunni, ecc..) e questo documento intende evidenziare il nostro impegno nel cercare di soddisfarle al meglio nel rispetto della legislazione che chiede di attuare gradualmente la Riforma scolastica L. 53/2003, D.legs.59/2004.  

 

IMPEGNO DELLA DIREZIONE

Per raggiungere questi risultati la Direzione:

La Direzione della scuola si impegna a mettere a disposizione le risorse necessarie per la realizzazione di questi obiettivi.

La scuola, attraverso tutte le sue componenti e con l'impegno delle istituzioni collegate, garantisce la regolarità e la continuità del servizio e delle attività educative, anche in presenza di rivendicazioni sindacali, nel rispetto dei principi e delle norme sanciti dalla legge ed in applicazione delle disposizioni contrattuali in materia.

ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE

  La scuola, si impegna, con l'apporto di tutti gli operatori scolastici, a favorire l'accoglienza dei genitori e degli alunni, l'inserimento e l'integrazione di questi ultimi, con particolare riguardo alla fase di ingresso alle classi iniziali e ad ogni situazione di particolare rilievo. Particolare impegno è prestato per la soluzione delle problematiche relative agli stranieri, relative ai ragazzi con disagio e difficoltà scolastiche e relative agli alunni diversamente abili.

Nello svolgimento della propria attività, ogni operatore ha pieno rispetto dei diritti e degli interessi dello studente.

FLESSIBILITA

  L'Offerta formativa sarà caratterizzata da flessibilità dell'orario e del curricolo al fine di adeguare gli interventi alle specifiche esigenze degli alunni, individualizzando il più possibile l'azione didattica per renderla più efficace e funzionale.

CONTINUITA'

La scuola si impegna a garantire agli alunni il diritto ad un percorso formativo organico che gli permetta di costruirsi una identità personale e culturale attraverso l'individuazione di obiettivi formativi ricavati dalle nuove indicazioni ministeriali per il curricolo per il primo ciclo dell’istruzione.  

DIRITTO DI SCELTA, OBBLIGO SCOLASTICO E FREQUENZA

L’utente ha facoltà di scegliere fra le istituzioni che erogano il servizio scolastico. La libertà di scelta si esercita tra le istituzioni scolastiche statali dello stesso tipo, nei limiti della capienza obiettiva di ciascuna di esse. In caso di eccedenza di domande va, comunque, considerato il criterio di territorialità

(residenza, domicilio, sede di lavoro dei familiari, ecc..)

  L’obbligo scolastico, il proseguimento degli studi superiori e la regolarità della frequenza sono assicurati con interventi di prevenzione e controllo dell’evasione e della dispersione scolastica da parte di tutte le istituzioni coinvolte, chiamate a collaborare tra loro in modo funzionale ed organico.

PARTECIPAZIONE, MIGLIORAMENTO E TRASPARENZA

  Istituzioni, personale, genitori, alunni, sono protagonisti e responsabili dell’attuazione della “Carta dei Servizi e del P.O.F.”, attraverso una gestione partecipata della scuola nell’ambito degli organi e delle procedure vigenti nella prospettiva di promuovere realmente quella “comunità scolastica” nella quale si attua non solo la trasmissione della cultura ma il continuo autonomo processo di elaborazione di essa, in uno stretto rapporto con la società, per il pieno sviluppo della personalità dell’alunno nell’attuazione del diritto allo studio (legge 53\2003  D.lgs.59). A tal fine i comportamenti dei componenti la comunità scolastica devono mirare alla più ampia realizzazione degli standard generali di servizio dichiarato.

   L’istituzione scolastica anche in collaborazione con gli Enti locali si impegna a favorire le attività extrascolastiche che realizzino la funzione della scuola come centro di promozione culturale, sociale e civile, consentendo l’uso degli edifici e delle attrezzature fuori dell’orario del servizio scolastico. Tale uso deve essere regolamentato da apposita convenzione.

  L’istituzione scolastica, al fine di promuovere ogni forma di partecipazione, garantisce la massima semplificazione delle procedure ed un’informazione completa e trasparente.

  L’attività scolastica, ed in particolare l’orario di servizio di tutte le componenti, si uniforma a criteri di efficienza , di efficacia, flessibilità nell’erogazione dei servizi amministrativi, dell’attività didattica e dell’offerta formativa integrata.

F.to  Dirigente Scolastico  

Prof.ssa Paola Campagnoli

Questo articolo è sotto la licenza Licenza Creative Commons Attribution Share Alike 4.0